Terme di Montecatini, la presa di posizione dell'assessora Nocentini

03/02/2015 - FIRENZE – L'assessora regionale alla cultura, turismo e commercio Sara Nocentini è intervenuta stamani sulle cronache dei quotidiani locali per puntualizzare la sua posizione in merito all'evolversi delle vicende amministrative riguardanti le Terme di Montecatini.

Di seguito pubblichiamo su Toscana Notizie il testo integrale dell'intervento:
"Sulle Terme di Montecatini si sono addensate alcune nubi, e non si tratta di ridurre il problema a una incompatibilità tra l'attuale amministratore e la nuova assessora, ma di comprendere piuttosto se la gestione sia in grado di fornire ai soci, e al socio di maggioranza nello specifico, il quadro informativo necessario per prendere decisioni cruciali: la firma dell'emendamento al mutuo del 2008 e il piano straordinario di investimenti, che seguirà alla firma del protocollo con il Comune di Montecatini. A tal proposito, i numeri forniti in conferenza stampa dall'amministratore non mitigano le preoccupazioni sull'incertezza e la variabilità del quadro conoscitivo. Si conferma, per la prima volta pubblicamente da parte dell'amministratore, quanto da me appreso all'inizio di novembre, quando a margine di una nota sul monitoraggio della società, mi veniva segnalata la mancata copertura degli investimenti per il completamento delle Leopoldine. Da qui, le richieste di approfondimento dalle quali é emerso un quadro incerto e mutevole. Le mie incomprensioni con l'amministratore non sono un fatto di simpatie personali, ma di numeri, che pretendo chiari e certi nel rispetto del ruolo e dell'ente che rappresento. Se d'altra parte l'amministratore unico gode di così spiccata e trasversale fiducia nella sua città, deve certamente averla meritata e non é mia intenzione, né ne avrei la facoltà, rinnovare la governance senza l'assenso pieno del comune di Montecatini. Ma la comprensione del quadro economico e finanziario delle Terme e dell'ammontare effettivo delle risorse mancanti per finire i lavori, è e resta una priorità irrinunciabile. La Regione Toscana non era al corrente fino a poche settimane fa che il grande sforzo della ricapitalizzazione di 6 milioni, avvenuta meno di due anni fa, fosse divenuto insufficiente a completare i lavori e reputo questo fatto della massima gravità. Pretendo a questo punto un quadro certo dei conti e un piano altrettanto certo di investimenti. A tal fine, da questa mattina (ieri n.d.r.) ho affidato ad Arabella Ventura, professionista più volte tirata in ballo a sproposito, un incarico di alcuni mesi affinché fornisca in collaborazione con la società delle terme di Montecatini alla Regione Toscana il quadro richiesto, per procedere alla firma del mutuo e al piano di investimenti straordinario. Sono certa che questi elementi saranno utili non solo per la Regione, ma anche per mantenere la fiducia delle banche finanziatrici e dei fornitori. Nel frattempo, a mio parere il Protocollo con il Comune di Montecatini potrà essere approvato già nella giunta del 9 febbraio, mentre della complessa situazione che é venuta a determinarsi, riferirò io stessa al Consiglio regionale al più presto. Chiudo, precisando che trovo molto scorretto chiamare in causa i funzionari della Regione Toscana a giustificazione o sostegno di scelte che non spettano loro. I miei collaboratori sono persone eccezionali, che lavorano con grande rispetto dei ruoli e delle istituzioni. Da parte mia, sono abituata a prendere pienamente la responsabilità delle mie azioni, mi aspetto che gli altri facciano altrettanto".





Questo è un articolo pubblicato il 03-02-2015 alle 11:27 sul giornale del 04 febbraio 2015 - 791 letture

In questo articolo si parla di attualità, Toscana Notizie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aeRk