Ad Arezzo gli Stati Generali degli infermieri, Fnopi li vuole specialisti

2' di lettura 24/11/2022 - AREZZO - Gli infermieri chiedono una maggiore formazione professionale, un inquadramento specialistico che li definisca anche in rapporto alle altre professioni sanitarie, anche attraverso una laurea specialistica a indirizzo clinico.

Sono alcuni dei risultati emersi dal lungo percorso di consultazione avviato nell'ultimo anno dalla federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche. Gli stati generali, aperti ai 460 mila iscritti agli ordini, sono il tema centrale dell'evento organizzato da Fnopi all'interno del forum risk management della sanità in corso ad Arezzo Fiere e Congressi. I novemila professionisti che hanno risposto alla consultazione hanno posto al centro delle loro priorità anche il riconoscimento del ruolo infermieristico nelle équipe multiprofessionali, la valorizzazione dell'infermiere di famiglia figura centrale per garantire la continuità assistenziale fra ospedale e territorio, oltre a un aggiornamento continuo e mirato. Sfaccettature differenti, ma che hanno in comune il desiderio di ridefinire l'identità della professione, alla luce dell'evoluzione dei bisogni del sistema sanitario. "È stata una risposta molto importante quella che è arrivata dai novemila colleghi che hanno partecipato- spiega alla Dire la presidente della federazione Barbara Mangiacavalli- è stata quindi una partecipazione importante. Un filo conduttore che troviamo in tutte le proposizioni è la necessità, ormai non più procrastinabile, di lavorare sullo sviluppo specialistico della professione infermieristica. Oggi la professione infermieristica ha una laurea abilitante in tutti i contesti assistenziali, però è evidente che il bisogno di salute e la complessità del sistema sono diventati tali che questi tre anni spesso sono insufficienti per dominare un patrimonio di conoscenze sempre più ampio". I percorsi di formazione specialistica già esistono tuttavia, segnala Mangiacavalli, vanno ricondotti "verso le competenze specialistiche previste fin dagli anni '90, vale a dire verso i profili dell'area medica, chirurgica, delle cure intensive, delle cure primarie e della salute territoriale, della salute mentale, dell'area pediatrica". Questo significa, avverte la presidente nazionale di Fnopi, "che abbiamo bisogno di investire in maniera importante sul rinnovamento dell'assetto formativo e quindi abbiamo bisogno di avere professori med 45 e ricercatori. In questo senso faccio un appello anche alle istituzioni, ma anche ai ministeri competenti perché il Pnrr per la missione quattro ha previsto risorse per un incremento importante dei docenti, c'è bisogno che ci sia un intervento di sensibilizzazione degli atenei, perché ne abbiamo ancora pochi per raggiungere questo obiettivo importante". Il tema della qualificazione della professione infermieristica, d'altra parte, è condiviso dall'utenza. "I nostri pazienti ci vogliono specializzati, care manager, case manager cioè conduttori del loro caso dal punto di vista organizzativo e assistenziale", precisa la presidente della federazione che proprio ieri si è confrontata con la consulta dell'associazione dei pazienti che ha dato un responso combaciante con i risultati degli stati generali.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 24-11-2022 alle 14:06 sul giornale del 25 novembre 2022 - 24 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEIY





logoEV