VIDEO | Al via il Festival della robotica di Pisa, evento culturale e popolare

3' di lettura 19/05/2023 - PISA - Al via a Pisa la tre giorni dedicata alla robotica. Da oggi fino a domenica, la stazione Leopolda e gli Arsenali repubblicani si trasformano in una sorta di RoboTown con seminari, workshop ed esibizioni dei prototipi più innovativi in ambito biomedico e riabilitativo, ma non solo.

Un anticipo promettente della Toscana dei prossimi decenni, che svela un'ambizione di fondo: mostrare robot e applicazioni nella vita quotidiana per consentire anche ai cittadini che non vantano un titolo accademico specifico di poter iniziare a sviluppare una certa familiarità nel loro utilizzo. Del resto, il claim scelto per questa edizione è 'Viviamo oggi il nostro domani'. https://vimeo.com/828310881?share=copy Un motto, che viene così declinato da Mauro Ferrari, presidente della fondazione Tech Care e coordinatore scientifico della kermesse tecnologica: "Questa terza edizione che si ricongiunge idealmente a quelle del 2017 e del 2018- spiega alla Dire- ha fondamentalmente uno scopo culturale. È un evento culturale, che però veste l'abito di una festa popolare di un qualcosa che è accessibile a tutti, in maniera tale che la conoscenza dai veri esperti, che per fortuna sono numerosi in questa città e si sono messi a disposizione, si trasmetta ai cittadini comuni senza che questi abbiano necessariamente alcuna preparazione nell'ambito della robotica e dell'intelligenza artificiale". Lo scopo, rimarca il concetto, "è quello di far acquisire consapevolezza ai cittadini di quello che è il ruolo e dell'importanza delle tecnologie declinate come robotica e intelligenza artificiale nel presente e nel prossimo futuro". Antonio Mazzeo Mauro Ferrari Spende un concetto simile anche Arianna Menciassi, docente ordinaria di Robotica medica e prorettrice vicaria del Sant'Anna, realtà di eccellenza indissolubilmente legata al festival stesso. "Ci occupiamo di robotica sotto tante sfaccettature, anche quelle che riguardano gli aspetti etici di sostenibilità, accettabilità- afferma- ci piace far vedere quanto i robot possono far parte della vita di tutti i giorni, quanto possono essere amici e collaboratori e non competitor". Ma il festival della robotica è anche una vetrina che alimenta un obiettivo di sviluppo da parte delle istituzioni. A tenere a varo la terza edizione agli Arsenali fanno capolino, in effetti, il sindaco di Pisa, Michele Conti, e il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo. Ed è proprio quest'ultimo ad aver lanciato in tempi recenti la suggestione su nuovi modelli di sviluppo da inseguire nei prossimi decenni col progetto della Toscana del 2050. https://vimeo.com/828408296?share=copy Da questo punto di vista, ammette parlando coi giornalisti, "questo è un pezzo di quella Toscana del 2050 che riesce ad anticipare le tendenze del futuro, la tendenza nella robotica, nell'intelligenza artificiale, nell'uso dei big data ma anche nella farmaceutica sostenibile. Sono pezzi con cui andremo a costruire la Toscana del domani, ed è bello sapere che tutto questo lo facciamo già oggi". Pisa diventa, dunque, agli occhi di Mazzeo "la capitale italiana della robotica in questi giorni. Noi abbiamo un'ambizione grande- evidenzia ancora- fare di questo territorio la capitale europea della robotica nei prossimi anni, portando qui le migliori eccellenze facendo in modo che si costruisca impresa, lavoro e innovazione".





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 20-05-2023 alle 09:53 sul giornale del 20 maggio 2023 - 38 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d9V5





logoEV
qrcode