Arezzo: prima data toscana per l’“Arlecchino?” di Andrea Pennacchi al Teatro Petrarca

4' di lettura 27/01/2024 - Prendere la più celebre maschera della commedia dell’arte, quella di Arlecchino, e trascinarla nella contemporaneità consegnandola a Andrea Pennacchi – attore e drammaturgo noto al grande pubblico per il personaggio del “Pojana”, che interpreta su LA7 come ospite fisso a Propaganda Live.

È questa l’operazione che il regista Marco Baliani porta avanti in “Arelecchino?”, spettacolo di cui firma anche il testo in scena per la prima volta in Toscana martedì 30 gennaio ore 21.00 al Teatro Petrarca di Arezzo (via Guido Monaco 12) nell’ambito della programmazione nata dalla sinergia tra Fondazione Toscana Spettacolo onlus (riconosciuta dal Ministero della Cultura come primo Circuito Multidisciplinare in Italia per il 2023), Fondazione Guido d’Arezzo e Comune di Arezzo. Dal dissidio tra Arlecchino e il nostro mondo scaturiscono situazioni esilaranti, visioni dissacranti e imperdibili scontri, che costringono il personaggio a attraversare, con la sua goffaggine e la sua furbizia, quei territori dello spirito umano che in ogni epoca mostrano le loro eterne contraddizioni. Una coproduzione Gli Ipocriti e Teatro Stabile Veneto – Teatro Nazionale (info www.fondazioneguidodarezzo.com).

“L’Arlecchino che Andrea Pennacchi porta in scena farà forse sussultare i tanti Arlecchini che nel tempo hanno fatto grande questa maschera”, spiega Baliani. “Lui cerca in tutti i modi di essere all’altezza del ruolo, ma non ne azzecca una, è goffo, sovrappeso, del tutto improbabile, ma è in buona compagnia: gli altri attori che, come lui, sono stati assoldati con misere paghe dall’imprenditore Pantalone, sono al pari di Arlecchino debordanti, fuori orario, catastroficamente inadeguati. Eppure tutti questi sbandamenti, queste uscite di scena e fughe dal copione – che sono anche uscite nella contemporaneità dell’oggi – queste assurde prestazioni, queste cadute di stile e cadute al suolo di corpi sciamannati, tutte queste parole affastellate, tutto questo turbinio di azioni e gesti, stanno proprio rifacendo il miracolo della grande commedia goldoniana in una forma non prevista, una commedia dirompente, straniante, che ricostruisce la tradizione dopo averla intelligentemente tradita. Ed ecco allora che la storia, nonostante tutto, anzi proprio grazie a questo “tutto” invadente, si dipana nella sua narrazione e ne esce un Arlecchino mai visto che riunisce stilemi diversi, frammenti di cabaret, burlesque, avanspettacolo, commedia, dramma, un gran calderone ultrapostmoderno che inanella via via pezzi di memoria della storia del teatro”.

“Durante le prove immaginavo di avere Carlo Goldoni seduto in terza fila, e dovevo dirgli di fare silenzio tanto si sganasciava dalle risate”, continua Baliani. “E quando le musiche di Giorgio Gobbo accompagnate dalla batteria di Riccardo Nicolin si infilavano come blitz sorprendenti costringendo gli attori (Marco Artusi, Federica Girardello, Miguel Gobbo Diaz, Margherita Mannino, Valerio Mazzucato, e Anna Tringali, appartenenti di diritto alla grande tradizione del teatro veneto) a divenire anche danzanti e cantanti il Goldoni là dietro non si teneva più. E poi le scene fluttuanti di Carlo Sala: una scenografia semovente, mobile, semplice come lo è la creatività quando si lascia andare al gioco infantile, grazie agli stessi attori che si fanno operai macchinisti modificando la scena di continuo. Il testo, febbrilmente rimaneggiato a partire dalle intuizioni che sorgevano in me vedendo all’opera la creatività degli attori e trascritto con solerzia da Maria Celeste Carobene, è proprio quello che fin dall’inizio avevo immaginato. Le parole che vengono fatte volare sono anch’esse leggere, eppure, come accade nella vera commedia, arrivano stilettate e spifferi lancinanti che parlano dei nostri giornalieri disastri di paese e di popolo, così che i terremoti scenici ci ricordano il traballare quotidiano delle nostre esistenze”.

ANDREA PENNACCHI in

ARLECCHINO?

produzione Gli Ipocriti/Teatro Stabile Veneto-Teatro Nazionale

scritto e diretto da Marco Baliani

con Marco Artusi, Federica Girardello, Miguel Gobbo Diaz, Margherita Mannino, Valerio Mazzucato, Anna Tringali

musiche eseguite dal vivo da Giorgio Gobbo e Riccardo Nicolin

scene e costumi Carlo Sala

luci Luca Barbati

aiuto regista Maria Celeste Carobene

BIGLIETTI

spettacoli in abbonamento: platea e I ordine di palchi: intero € 30 – ridotto € 27

II e III ordine di palchi: intero € 20 – ridotto € 17

IV ordine di palchi: intero € 10 – ridotto € 7

Riduzioni: over 65 anni, possessori della Carta dello Spettatore di FTS, iscritti alle associazioni teatrali del comune di Arezzo legalmente riconosciute, dipendenti dell’Ente promotore, soci Coop

Biglietto Futuro under 35 in collaborazione con Unicoop Firenze: platea e I e II ordine di palchi € 8

Carta Studente della Toscana: biglietto €8 studenti universitari

(il posto verrà assegnato dietro presentazione della carta in base alla disponibilità della pianta: si consiglia l’accesso a teatro almeno un’ora prima dello spettacolo)

Promozione 1000 punti mille emozioni per soci Coop: info e adesioni presso punti vendita Unicoop Firenze

PREVENDITA BIGLIETTI

Teatro Petrarca

Via Guido Monaco, 12 - Arezzo

tel. 0575 1739608 (nei giorni e orari di apertura)

Prevendita ONLINE: discoverarezzo.ticka.it

Circuito punti vendita Discover Arezzo www.discoverarezzo.com

VENDITA BIGLIETTI

Teatro Petrarca

il giorno dello spettacolo alle 17: orario 12 -17

il giorno dello spettacolo alle 21: orario 12 -14, 18-21

Via Guido Monaco, 12 - Arezzo

tel. 0575 1739608 (nei giorni e orari di apertura)

INFO

Fondazione Guido d’Arezzo

corso Italia, 102 – Arezzo

0575 377438 - 0575377439

teatri@fondazioneguidodarezzo.com

fondazioneguidodarezzo.com

toscanaspettacolo.it


   

da Organizzatori







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2024 alle 14:03 sul giornale del 29 gennaio 2024 - 64 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Organizzatori, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eMXQ





logoEV
qrcode