Firenze: Droga da Albania e Olanda, maxi operazione dei carabinieri: 78 arresti

3' di lettura 05/02/2024 - È partita da Firenze una imponente operazione dei carabinieri con la quale è stata smantellata una organizzazione criminale transnazionale dedita al traffico di sostanze stupefacenti tra Albania, Italia e altri Paesi europei, Olanda in particolare.

Sono in tutto 83 le misure cautelari emesse dal gip di Firenze su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia fiorentina che sono state eseguite in tutta Italia e all'estero dai carabinieri con il supporto delle forze di polizia albanese, spagnola, olandese e tedesca. Le persone finite in carcere sono 70, 68 dei quali stranieri e 28 residenti nella zona di Firenze, 8 quelle ai domiciliari. Oltre agli arresti i militari hanno sequestrato 5 milioni di euro, somma ritenuta provento dell’attività illecita.

L'operazione è il frutto delle indagini condotte dai carabinieri della Compagnia di Borgo San Lorenzo sotto la direzione della Dda di Firenze, che ha permesso di svelare un vasto traffico di stupefacenti (cocaina, eroina, MDMA, hashish e marijuana) introdotti in Italia dall’Albania o dall’Olanda, per poi essere in parte smerciati nella provincia di Firenze, in parte dirottati su altre piazze del territorio italiano o in Germania. Sono state individuate quattro diverse strutture criminali che a tal fine cooperavano tra loro, composte da cittadini italiani e albanesi, basate una in Olanda, un’altra in Albania e le restanti due in Toscana. I militari hanno localizzato le basi operative e logistiche, i depositi per lo stoccaggio (siti a Firenze) e persino l’officina meccanica dove venivano modificati i veicoli destinati al trasporto della droga (a Bologna). Infine, è stato disarticolato un gruppo di pusher che smerciava gli stupefacenti al dettaglio nel Mugello e nell’intero territorio metropolitano fiorentino.

Le indagini erano partite nel 2019, quando fu possibile attribuire una partita di 2 kg di marijuana sequestrati in Piazza Muratori a Firenze ad ud albanese di 42 anni. Approfondendo, è divenuto evidente che si trattava di un trafficante di spessore con collegamenti in Olanda, Francia e Spagna e seguendone gli spostamenti ne è stato possibile ricostruire la rete dei sodali. Durante le attività, sono emersi i collegamenti di questa prima organizzazione nazionale con un’altra, anch’essa stanziata a Firenze, che riceveva grossi quantitativi di hashish e marijuana dall’Albania, trasportati su gommoni a Grotte di Castro (LE) e poi da là, su strada, a Firenze, in zona Campo di Marte, da dove venivano smerciati in Italia e in Germania. Due arresti eccellenti di corrieri disvelavano l’ampiezza delle operazioni: in Germania veniva fermato (grazie alla collaborazione con Eurojust) un italiano con 25 kg di marijuana, a Firenze un altro con 80 kg della medesima sostanza. Infine lo stesso responsabile dell’organizzazione, obbligato dall’arresto dei suoi manovali a effettuare uno spostamento di persona, è stato arrestato in Puglia alla guida di un furgone con 340 kg tra hashish e marijuana, il cui forte odore cercava di celare con deodoranti per auto.

Durante queste attività preliminari erano già state complessivamente arrestate in flagranza 24 persone nonché sequestrati circa 15 kg di cocaina, 120 di hashish e 487 di marijuana, 217 piante di cannabis, quasi 2 litri di olio di hashish, 95.000 € in contanti, due pistole, un fucile, 7 automezzi e un immobile.


   

di Redazione





Questo è un articolo pubblicato il 05-02-2024 alle 17:13 sul giornale del 06 febbraio 2024 - 98 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eOci





logoEV
qrcode